Sezioni

Organizzare progetti di cittadinanza responsabile: volontariato alla SPS

Rinnoviamo anche per il 2017 la domanda per chi ha tempo e disponibilità per recuperare forze per i progetti di cittadinanza. La SPS comimagese tutte le associazione vive e prospera grazie all’impegno volontario dei suoi aderenti. A volte però ci si accorge che molte opportunità non si riescono a cogliere per la mancanza di forze…

Ecco allora una chiamata per chi ha qualche ora a disposizione e voglia di imparare: VOLONTARI per progetti di cittadinanza responsabile cercasi.

Offriamo a chi è appassionato ai temi della cittadinanza, della partecipazione dal basso, alla promozione dei principi democratici di imparare a organizzare eventi, seguire progetti di formazione, creare attività originali per coinvolgere la cittadinanza, reti e contatti politici ed istituzionali di primo livello, una realtà leggera e agile capace di incontrare i bisogni di una democrazia in affanno. In questo periodo siamo particolarmente alla ricerca di volontarie e volontari interessati a prestare alcune ore alla settimana per i servizi di segreteria senza orario rigido, in totale “volontariato”…

Contattaci all’indirizzo email o ai seguenti numeri:

3483960390 Alberto

3355639378 Lucia

 

Condividi il post
FacebookTwitterGoogle+WordPressEmailPrintFriendlyCondividi

Il Vescovo Lauro invita la politica ad occuparsi di Giovani e Lavoro: “le disuguaglianze non aspettano”

Venerdì 16 dicembre il Vescovo Lauro Tisi ha tenuto un breve ma accorato discorso ai consiglieri. Il tema che ha cercato di portare all’aDon laurottenzione dei nostri dirigenti politici è quello dei limiti che le sfide quotidiane ci pongono. In particolare ha detto a proposito di giovani: “Il mondo giovanile è la nuova grande questione sociale: la questione,  cioè, di coloro i quali hanno meno di 35 anni, sempre più costretti a una marginalità vistosa, che si traduce nell’impossibilità di esercitare concretamente tutta quella forza e tutta quella novità che originariamente loro spetta. Nonostante ogni illusione, la titolarità d
ella giovinezza non è cedibile
. Si è giovani solo tra i 15 e i 35 anni e lo si è in tale preciso arco di tempo, perché le condizioni psico-fisiche che si hanno in questo periodo della vita non si ripeteranno mai più. L’averlo dimenticato è un grave segno di miopia da parte di una generazione adulta, concentrata spesso a salvaguardare se stessa, tanto da procedere a una vera e propria messa fuori gioco e fuori campo dei giovani, invece di offrire spazi di investimento alla loro energia e capacità di innovazione.

C’è urgente bisogno di una politica che progetti non “per” i giovani ma “con” i giovani. Lo dico alla comunità dei credenti e ai n
on-credenti. Lo dico da trentino della Val Rendena, pensando di parlare anche a nome vostro: ripartiamo dalla consapevolezza che il futuro della nostra autonomia passa dai giovani!  Di più: essere autonomi significa avere la possibilità di progettare il nostro futuroLiberando pensiero, sogni, opportunità. E di poterlo fare con creatività, in modo originale. Chi meglio dei giovani può aiutarci in questa impresa? Non si tratta, infatti, soltanto di incamEmiciclo paterare rassicurazioni istituzionali e garanzie finanziarie. Ma percepirci come cantiere apertolaboratorio politico e socialecomunità che ritesse le trame della tela che la sostiene.” (Vescovo Lauro Tisi 2016).

Su questa sensibilità anche SPS è stata invitata ad operare per allargare la visione sul mondo dei giovani e ad operare con essi per aggiornare l’agenda politica dentro il solco dell’antropologia cristiana.

Qui il testo completo dal sito di Vita Trentina

Condividi il post

Ricerca volontari e volontarie anche per il 2017

Rinnoviamo anche per il 2017 la domanda per chi ha tempo e disponibilità per ampliare l’efficacia dei progetti sulla cittadinanza. La SPS comimagese tutte le associazioni vive e prospera grazie all’impegno volontario dei suoi aderenti. A volte però ci si accorge che molte opportunità non si riescono a cogliere per la mancanza di forze…

Ecco allora una chiamata per chi ha qualche ora a disposizione e voglia di imparareVOLONTARI per progetti di cittadinanza responsabile cercasi.

Offriamo a chi è appassionato ai temi della cittadinanza, della partecipazione dal basso, alla promozione dei principi democratici di imparare a organizzare eventi, seguire progetti di formazione, creare attività originali per coinvolgere la cittadinanza, reti e contatti politici ed istituzionali di primo livello, una realtà leggera e agile capace di incontrare i bisogni di una democrazia in affanno. In questo periodo siamo particolarmente alla ricerca di volontarie e volontari interessati a prestare alcune ore alla settimana per i servizi di segreteria senza orario rigido, in totale “volontariato”…

Contattaci all’indirizzo email o ai seguenti numeri:

3483960390 Alberto

3355639378 Lucia

Condividi il post

SPS & Rosmini insieme per i laboratori sull’attualità dell’economia

In seguito alla collaborazione già in essere da anni Liceo Rosmini ed SPS hanno intavolato anche per il 2016-17 un lavoro con due classi per sviluppare dei laboratori di avvicinamento alla complessità dell’economia nelle sue trasformazioni locali e nello sviluppo di expertise per valutate le attività economiche stesse.

In due sabati di lavoro in collaborazione con i Prof. Catalisano e Prof. Cubello abbiamo tenuto due laboratori sul passaggio dall’economia classica a quella definita come new economy. Il lavoro si è tenuto presso la Facoltà di Sociologia.Rosmini

Con la Prof. Meloncelli invece saremo attivi per un lavoro di due settimane nell’ambito della proposta “scuola-lavoro” e cercheremo dei percorsi per i ragazzi che permetta loro di toccare con mano la realtà economia e sociale della città. Le settimane si svolgeranno tra marzo e aprile.

 

Condividi il post

Nuova collaborazione SPS & Piattaforma delle Resistenze!

PIattaforma TN 2016Dopo un primo anno sperimentale sul territorio di Trento Piattaforma delle resistenze, intraprendente realtà promossa nell’ambito delle politiche giovanili della Provincia di Bolzano (PAB) che già in quel territorio da cinque anni organizzava il “Festival delle resistenze” grazie ad una volontà specifica del Vicepresidente della PAB dr. Christian Tommasini, ha rafforzato la sua proposta per il territorio di Trento in collaborazione con le Politiche giovanili della Provincia di Trento (PAT) che rientrano nell’ambito delle competenze dell’Assessora dr. Sara Ferrari.

Una delle attività volte a promuovere cultura della cittadinanza e della partecipazione in un’ottica di “nuova resistenza” la Piattaforma seleziona ogni anno una decina di progetti e dal 2017 SPS sarà partner per la supervisione, la promozione e l’autovalutazione dei progetti stessi.

Un nuovo impegno che amplia e arricchisce le competenze di SPS!

 

Condividi il post

SPS al tavolo delle associazioni per lo Statuto: si pensi ad un lavoro sui territori e non ai cenacoli…

Sabato mattina (accordo Degasperi Grubercioè domani 9 luglio 2016) il Presidente Dorigatti ha convocato le oltre 100 associazioni che dovranno proporre i nomi per le nomine ancora da coprire per la Consulta per la revisione dello Statuto di Autonomia.

Quello che si prospetta all’orizzonte è un’altra occasione persa dal apolitica di dialogare con i territori. Alcune associazioni sono già partite per cercare consenso per se e per i propri rappresentanti e poi in ogni caso il Presidente Dorigatti dovrà fare le sue scelte finali e nessuna sa b bene come…  forse si capirà meglio domani.

SPS ci sarà con il gruppo delle culturali e tuttavia abbiamo lavorato in questi gironi per sollecitare il Presidente Dorigatti a considerare l’opportunità di far partire un lavoro parallelo che stimoli le associazioni e la politica a dialogare seriamente su questi temi e a includere il maggior numero possibile di strumenti per il coinvolgimento dei territori e perchè il piano dei diritti sia tutelato con ogni mezzo. Ci aspettano tempi duri e avere un buon statuto sarà di grande aiuto.

Qui in allegato trovate la lettera che come Più Democrazia, SPS ed ACLI abbiamo mandato a Dorigatti perché si assuma un percorso che approfitti di questo patrimonio di cittadinanza che si è reso disponibile. Buona fortuna.

2016 07 07 Consulta Documento per assemblea

““Cominciate col fare ciò che è necessario, poi ciò che è possibile. E all’improvviso vi sorprenderete a fare l’impossibile.” San Francesco

 

 

Condividi il post

Provate voi, se trovate le parole giuste…

Rilanciamo una lettera diffusa attraverso la mailing list dell’Associazione la Rosa Bianca. Mentre a Trento discutiamo pacatamente di Economia e rilanciamo i luoghi della crescita, raccogliamo solo qualche affermazione che i profughi/sfollati, che di luoghi se ne intendono parecchio soprattBimboutto di quelli da cui scappano per causa nostra, stanno diminuendo. Eppure….

Da: Giancarla Codrignani, 3 giugno 2016

«Provate voi, se trovate le parole giuste, a raccontare ancora una volta di una giovane donna uccisa dal fidanzato che
aveva lasciato; di un’altra, al nono mese di gravidanza, ora ricoverata in gravi condizioni, per essere stata avvelenata con della soda caustica dal proprio compagno. Provate a star dietro a un conteggio che parla di cinquantacinque donne assassinate nei primi cinque mesi di quest’anno (undici al mese) e che, mentre lo si scrive, risulta già vecchio, già andato oltre, già segnato da altre vite sospese.

Provate voi a giustificare, se mai ci si riesce, l’esposizione mediatica di un altro piccolo corpo senza vita, con sotto il commento “sembrava una bambola”. L’ennesimo Aylan, ma privo della commozione mondiale che aveva suscitato il bimbo siriano. Provate a tenere il conto, ammesso che davvero si avvicini alla realtà, delle bambine e dei bambini che abbiamo smarrito in mare, mentre ci affrettiamo a candidarci all’adozione della piccola che ha perso la mamma e il papà. Provate, se riuscite. Noi, oggi, non siamo capaci.

Ci sono momenti in cui la sensazione è quella di non riuscire a sottrarsi allo sconforto. Giorni in cui sembra che tutto ciò che ci circonda abbia un peso troppo grande: il peso del già detto, già scritto, già commentato. Il peso del “non cambia mai niente”. Niente scuote, nulla addolora veramente, nessun accadimento indigna tanto da far cambiare l’ordine delle cose: le decisioni della politica, dell’Europa, la vita di noi gente comune, l’andare scriteriato di questo mondo.

In questo tempo di emozioni telecomandate, che si accendono a intermittenza davanti ai vari Aylan, Favour e chissà a quanti altri piccoli migranti ancora (ma solo se si tratta minori, per gli adulti la pietà è finita da tempo: vengono a rubarci quel che abbiamo, che ci appartiene, ad approfittare del nostro benessere, a delinquere…), viviamo lo sconcerto di questa continuità cupa, di cui nessuno sembra volersi far carico.

Abbiate pazienza, care lettrici e cari lettori. Accogliete questo nostro piccolo sfogo. Domani torneremo a essere donne resilienti, capaci di rialzarci rafforzate dal turbinio degli eventi che a volte sembra sovrastarci. Ma il senso di impotenza che ci assale nella vita è ciò che ci consente di fermarci a riflettere. A raccogliere energie nascoste, di cui noi stesse spesso siamo inconsapevoli. È quel che dà la possibilità al dolore di farsi fecondo di un futuro altro. Quel futuro che continueremo a sognare e a raccontare insieme. Non oggi però.»

Condividi il post

Inn PIAZZA per un’altra economia: quella della partecipazione!

Se ciondolando tra un incontro e l’altro del Festival dell’Economia (quello con il titolo discutibile “I luoghi della crescita“) passate in piazza Santa Maria ci sono varie attività, una più interessante dell’altra… Tra cui una promossa da Più Democrazia, Acli e SPS insieme. Potrete partecipare ad un QUIZ disponibile anche online per vedere quanto ne sappiamo di partecipazione popolare. E sappiamo bene, che se la gente partecipa anche l’economia, quella sana e rinnovabile, cresce!

Quiz-referendum

Condividi il post

SPS & Liceo Rosmini: un pieno di cittadinanza!!

Venerdì 13 maggio si è conclusa l’esperienza di stage che ha visto la collaborazione tra Rosmini ed SPS. L’esperienza ha visto le ragazze ed i ragazzi fare un percorso articolato attraverso il Comune di Trento grazie alla sensibilità e alla capacità di alcuni funzionari e il gruppo è stato animato da Barbara Fruet, Enrico Bramerini, Lucia Fronza Crepaz e Luca Guasco. Soddisfazione piena da parte di tutt@ e chiusura animata dai ragazzi presso la sala Natività messa a disposizione del comune. Le presentazioni sono avvenute alla presenza di Antonia Banal, Rosanna Wegher, Giorgio Antoniacomi e in particolare di Chiara Maule, Assessora alle politiche di partecipazione.

Sotto alcune foto della giornata di chiusura … La città oggi è più al sicuro! 23 giovani cittadine e cittadini sono più preparati per difenderla!

Grazie di cuore a tutti per la grande collaborazione dimostrata, istituzioni e gruppo Rosmini!

 

 

 

IMG_8348 IMG_8347 IMG_8349IMG_8345  IMG_8305 IMG_8341IMG_8308IMG_7447

Condividi il post

Anche per il 2016 SPS è partner del Liceo Rosmini

Anche per il 2016 la SPS è partner nell’organizzazione del tirocinio formativo del Liceo Rosmini per l’effettuazione di una sperimentazione del tirocinio formativo nell’ambito della programmazione didattica di una classe quarta.COmune tn

Grazie alla collaborazione con il Comune di Trento (Antonia Banal) e delle politiche giovanili del Comune (Riccardo Santoni e Rosanna Wegher), siamo impegnati nella organizzazione di due settimane di

 

esRosminiperienza che abbiano come sfondo l’acquisizione di competenze utili per essere cittadini responsabili. Sono stati immaginati vari itinerari come l’apertura di una realtà economica, la ristrutturazione di una casa, la richiesta di aiuto di assistenza e l’organizzazione di un evento in  città sono alcune piste di lavoro su cui gli allievi si misureranno. L’attività è seguita da Lucia Fronza Crepaz e Luca Guasco.

 

 

Qui il download del progetto!!

Progetto classe IV rosmini 280416

Condividi il post